TERMINI IMERESE – Se si racconta non ci si crede, eppure spesso la realtà supera la fantasia. Un’elegante cena privata di gala per 100 persone si terrà questa sera nella pinacoteca del Museo civico.

Un sodalizio locale aveva infatti organizzato la cena in un noto ristorante all’aperto, ma a causa del cattivo tempo e con l’autorizzazione del sindaco, si è pensato bene di spostare tavoli e sedie, stoviglie e tovagliato nei locali della pinacoteca, creando così una cornice suggestiva ed unica per gli invitati, a tutto danno delle preziose tele del Cinquecento esposte e facendo un uso privato di un bene pubblico, come se esso non fosse il contenitore di beni artistici, ma la succursale di un ristorante.

Appresa l’incredibile notizia, SiciliAntica ha deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica, perché si accerti se l’episodio possa integrare gli estremi di reato. “E’ una vergogna che si usi un luogo pubblico così importante e significativo per un pranzo privato”, ha detto Alfonso Lo Cascio, della presidenza regionale di SiciliAntica. “Il cattivo gusto e l’arroganza di alcuni, che pensano di essere i padroni della città, rischiano di mettere in pericolo l’integrità e la sicurezza di tele importanti, quali quelle di Vincenzo La Barbera o di Pietro Novelli”. Così SiciliAntica ha denunciato l’accaduto alla magistratura, perché si faccia luce sull’incredibile episodio.

(da Esperonews)

 

Scrivi