PALERMO – “Le fotografie” come amava dire Henri Cartier-Bresson, noto foto-giornalista francese “possono raggiungere l’eternità attraverso il momento”.

Per verificare l’attualità o meno di questa frase, potrebbe essere interessante andare a visitare la mostra fotografica “Passione di Luce” -foto scattate da Antonio Mattina- che verrà inaugurata oggi a Terrasini, ore 19:00 al Margaret Cafè e resterà visitabile fino al 26 aprile 2015 presso la sala espositiva all’interno del locale.

La mostra, a cura dell’Associazione AsaDin, raccoglie una serie di scatti raffinati e sensuali che appartengono al mondo del “Boudoir”, un genere fotografico affermatosi negli ultimi anni soprattutto oltreoceano che trae il suo nome da una parola francese “boudoir” che indica la stanza da letto privata di una signora, il regno della femminilità.

La fotografia “Boudoir”, che non va confusa col nudo commerciale o col nudo artistico, ha come protagonista la donna, della quale esalta l’eleganza e la naturale intimità. Potremmo definirle immagini affini al “Glamour”, al centro delle quali non sono le “curve” femminili, ma il fascino e la seduzione. A giocare un ruolo fondamentale è anche la luce che rende gli  ambienti soft, soffusi, eterei, poco o molto illuminati,  attribuendo maggiore eleganza alla foto e donando il giusto  nutrimento all’immaginazione.

Teresa Fabiola Calabria

 

Scrivi