GIARRE. “E’ nostra intenzione agire in una logica di prevenzione  per mappare gli edifici pubblici strategici al fine  stabilire l’indice di sismicità e poter accedere ai finanziamenti previsti dalle normative vigenti in materia di protezione civile per effettuare interventi di miglioramento strutturale”.

Lo ha detto il sindaco di Giarre, Angelo D’Anna,  al termine di una conferenza dei servizi da lui stesso voluta, per discutere e concordare eventuali provvedimenti da adottare relativamente alle verifiche tecniche dei livelli di sicurezza sismica degli edifici pubblici strategici, propedeutici per l’eventuale accesso ai finanziamenti di cui all’ordinanza del Dipartimento della protezione Civile n. 344 del 09/05/2016. Alla conferenza erano presenti, oltre allo stesso sindaco, l’assessore ai Lavori Pubblici e alla Protezione civile Giuseppe D’Urso, il dirigente dell’Area tecnica Giuseppa Rita Leonardi, il responsabile del servizio di Protezione civile Gaetano Bonaccorso e Sebastiano Caramagno, esperto in materia di risanamento strutturale e  accesso ai finanziamenti pubblici.

Il  sindaco, ad inizio di riunione, ha manifestato l’esigenza di dover adeguare alle norme antisismiche  diversi edifici pubblici tra i quali il palazzo municipale, quello che ospita l’Ufficio tecnico e la caserma dei Carabinieri di Macchia. Si è preso atto che, per  poter accedere ai finanziamenti previsti dall’ordinanza del Capo del Dipartimento di protezione Civile n. 344/2016 è necessario prima procedere ad effettuare delle verifiche tecniche ed individuare per ogni edificio l’indice di sismicità, tra l’altro previsto da una norma di legge e già effettuato su alcune scuole pubbliche oggetto di interventi in corso. Seguiranno ulteriori incontri tra i tecnici che avranno il compito di porre in essere tutti gli atti necessari per tale attività.

Mario Pafumi


-- SCARICA IL PDF DI: Terremoti, a Giarre mappatura degli edifici strategici a rischio --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata