CATANIA − E’ iniziato con un blitz della polizia tra le strade del centro storico di Catania la lunga notte che ha portato, prima al fermo e poi all’espulsione, di Amed il 23enne tunisino, che ai microfoni di La7, afferma di aver appoggiato i terroristi dell Isis, condividendo la strage di Parigi e annunciato possibili attentati a Roma per l’8 Dicembre.
Le sue parole: “I francesi hanno ucciso i nostri popoli, io sono d’accordo con chi ha ucciso i francesi” – continua – “E guarda, giuro, l’8 Dicembre penso c’è qualcosa a Roma, lo hanno detto su Facebook”.
La Digos ha scoperto che Amed era senza permesso di soggiorno, ha controllato i suoi contatti sul web e applicando le recenti normative anti-terrorismo è scattata l’espulsione.
Si è chiesto chi fosse Amed ad alcuni abitanti del quartiere che ospita la Moschea. Alcuni non lo conoscevano, altri sostengono che trafficava giri poco chiari. “Da condannare le sue dichiarazioni” qualcun’altro afferma.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi