di Salvo Reitano

La manifestazione  che si propone di mantenere vive le tradizioni locali e il forte legame con la cultura del territorio.

CALTAGIRONE –  L’operosa frazione di Caltagirone, ospiterà, sabato 19 e domenica 20 luglio, la terza edizione di “Sapuri rì ‘na vota”, la manifestazione organizzata dall’associazione culturale “Quelli che Granieri” con il  patrocinio del Comune allo scopo di mantenere vive le tradizioni locali e il forte legame con la cultura del territorio.

Cè voluto e ci vorrà tutto l’entusiasmo, l’energia ed il coinvolgimento di giovani e meno giovani  per  recuperare gli antichi saperi e sapori.

Un gruppo di donne volontarie, è già al lavoro, nonostante i tempi imposti dall’organizzazione, per reperire tutti gli ingredienti originali, seguendo le antiche ricette, necessari alla preparazione delle antiche pietanze che il piccolo borgo di Granieri offre e che con orgoglio ancora custodisce preziosamente, oltre alla degustazione del fiore all’occhiello, nonché prodotto tipico che contraddistingue il territorio, cioè l’uva da tavola d’Italia con marchio Doc e Igp, di cui si fregia il Comune di Caltagirone.

La degustazione delle pietanze sarà accompagnata dai vini del territorio.

Con “Sapuri ‘ri na vota”, la comunità di Granieri è artefice, per il terzo anno, di un percorso di ricostruzione della propria memoria collettiva e dei propri saperi come tesori da trasmettere alle sue più giovani generazioni.

Un certosino e attento lavoro di ricerca per riproporre le ricette delle antiche pietanze locali che coinvolge anche quest’anno tutte le famiglie del borgo, creando straordinarie sinergie tra la sapienza degli anziani, ultimi custodi della memoria storica di Granieri, e il forte bisogno identitario dei più giovani.

Il taglio del nastro della “due giorni”, sabato 19 luglio, alle 21,00 con “La notte dei talenti”, performance di cantanti, attori, musicisti e ballerini.

Domenica 20 luglio, a partire dalle 19,00 la benedizione delle pietanze e la loro degustazione. Nel corso della serata, esibizione del gruppo folk “Arcobaleno”, e conclusione con il concerto del “Rondo Siciliano”.

“Anche quest’anno – afferma la presidente dell’associazione Concetta Metrico – la nostra piccola e laboriosa comunità vuole affermare il valore della propria memoria storica e farlo attraverso una grande prova collettiva che consolida anche l’orgoglio dell’appartenenza”.

“Sapuri ri’ na vota – sottolinea il sindaco Bonanno – rappresenta un momento rilevante di riappropriazione di elementi della tradizione e di esaltazione della più autentica cultura locale”.

“La manifestazione – evidenzia l’assessore alle Frazioni Fabrizia Palazzo – è importante, come quella svoltasi di recente nel borgo di Santo Pietro, anche per valorizzare le frazione e quanto di più significativo esse custodiscono”.

 

Salvo Reitano

Scrivi