TRAPANI – Dopo il pari casalingo ottenuto contro la capolista Carpi, per il Trapani è ancora campionato. Ad attendere i granata, la Virtus Entella, squadra rinnovata  dal mercato con gli arrivi su tutti di Cutolo e Sforzini. Nella consueta conferenza della vigilia, mister Boscaglia si sofferma sulla situazione dei suoi e sull’incontro in terra ligure.

“Siamo consapevoli che quando siamo al top siamo una squadra temibile. Il pari ottenuto settimana scorsa è il segnale che ci siamo ancora, che non abbiamo dimenticato qual è la nostra dimensione, e che abbiamo i giusti mezzi per perseguire gli obiettivi. Il fatto che spesso gli avversari ci mettano l’etichetta di squadra temibile da affrontare deve essere un ulteriore stimolo a far bene. Abbiamo attraversato un momento difficile tra infortuni e voci esterne che ci destabilizzavano ma adesso siamo in ripresa.  Da questo periodo un po’ difficile che abbiamo attraversato abbiamo acquisito la consapevolezza che bisogna giocare sempre a mille, essere sempre concentrati, senza farsi distrarre. Dobbiamo piuttosto rimanere nella nostra dimensione e migliorare quello che stiamo facendo. Una grande squadra la si vede soprattutto in questi momenti, perché riesce a fare del gruppo la propria forza. Quello che è successo nelle ultime settimane ci insegna che, nonostante tutto, siamo una squadra forte, come siamo stati negli anni precedenti.

A me interessa il gioco di squadra: quando abbiamo la palla dobbiamo cercare di fare gol, quando non l’abbiamo dobbiamo cercare di riconquistarla o almeno rendere gli avversari meno pericolosi. Dobbiamo trovare l’equilibrio giusto ed in campo andrà chi garantirà meglio questo equilibrio, sulla base di tanti fattori e di tante valutazioni.

L’Entella è una squadra viva, reduce da una vittoria contro lo Spezia, gioca un buon calcio. Nel mercato di gennaio hanno fatto cambiamenti soprattutto nel fronte d’attacco. Anche loro hanno preso calciatori che giocavano poco nelle loro squadre, quindi hanno uno stimolo in più per dimostrare magari che la squadra che li ha ceduti ha sbagliato. Sono giocatori importanti, vedremo di arginarli. Non dobbiamo però focalizzare la nostra attenzione solo sui nuovi acquisti dell’Entella, ma vedere nel complesso tutta la squadra, che è una squadra molto aggressiva, che concede poco”.

(foto trapanicalcio.it)

Scrivi