TRAPANI – Per Boscaglia e la sua squadra, quella di domani al Provinciale con il Varese è una gara dal sapore particolare. Un girone fa, in quel di Varese, andava in scena la disfatta più clamorosa del Trapani in questa stagione (5-2) oltre a quella di Livorno, tanto per il risultato quanto per la prestazione non all’altezza degli standard su cui i granata hanno abituato tifosi e addetti ai lavori. Non si va alla ricerca di vendetta, ovviamente, se non dal punto di vista sportivo. Alla squadra siciliana manca il successo dal 24 Dicembre scorso, un pò troppo. Da allora, un’involuzione nel gioco e nei risultati hanno aperto gli occhi a tutto l’ambiente che sognava la Serie A. Ma nulla è precluso. Certo, gli ultimi infortuni (Aramu e Citro), oltre agli squalificati (Ciaramitaro e Feola) riducono all’osso le soluzioni di Boscaglia, che in conferenza stampa si confessa comunque fiducioso, o per meglio dire, sicuro, di poter portare a casa 3 punti.

“Si va in campo per vincere. Squalifiche, infortuni e quant’altro non devono distoglierci dal nostro primo obiettivo: essere in partita, lottare su ogni palla, essere dei guerrieri e dimostrare di essere affamati. Tutto il resto passa in secondo piano.

In settimana ci siamo preparati bene, sappiamo quali sono le loro caratteristiche. Stanno chiusi e ripartono, e i loro giocatori qualitativamente migliori sanno far male.

Noi siamo sempre stati questo: fame, voglia.. E questi ingredienti devono bastare. Con il tempo ci stiamo ritrovando sotto tutti gli aspetti (fisico, mentale), facendo leva sulle nostre motivazioni. E non è difficile prevedere che questa è una partita che aspettiamo da tanto tempo…”

Scrivi