Ternana travolta al Provinciale. Doppietta per Curiale, finalmente goleador.

TRAPANI – Buona la prima di Serse Cosmi sulla panchina granata. Al Provinciale il Trapani, per la prima volta dopo sei anni senza Boscaglia, passa per 4-2 sulla Ternana in uno scontro vitale per le sorti di entrambe le compagini nella lotta per la salvezza. Vittoria dopo quasi 3 mesi di astinenza che rilancia i siciliani in classifica. Una squadra combattiva e determinata, come voleva il neo allenatore perugino.

Partenza fulminante. Dopo soli 10′ il Trapani è già avanti di due reti. Vantaggio di Aramu, impiegato come trequartista in un 4-3-1-2 con la coppia Abate-Curiale davanti. Sinistro vincente del centrocampista, che approfitta dell’assist dell’ottimo Barillà. Raddoppio firmato Curiale, che trova finalmente la rete, la prima con la maglia granata. L’attaccante, arrivato dal Frosinone, segna su azione d’angolo battuto da Rizzato. Trovato il doppio vantaggio tutto in discesa, apparentemente, per la squadra di casa. Ma il ritorno della Ternana coglie impreparati gli avversari. In 5′, dal 14′ al 19′ gli umbri trovano prima la segnatura che accorcia le distanze con Ceravolo, poi il pari con Bojinov con un pregevole colpo di testa su assist di Gavazzi.

Il Provinciale torna a vedere gli spettri del passato, ma l’atteggiamento degli uomini di un Cosmi tutto cuore è quello giusto. Al 26′ cambio forzato per il Trapani. Caldara, infortunato, lascia il posto a Pagliarulo. La squadra macina gioco sulle fasce con continuità, cerca di giocare all’attacco e prova a sfruttare le azioni su palla inattiva.  Proprio su palla inattiva, dopo una serie di azioni sprecate dalla coppia d’attacco, arriva la marcatura che vale il nuovo vantaggio: corner granata, torre di Perticone e colpo di testa di Abate che supera Sala. Pubblico in festa. Il terzo sigillo scaccia via la crisi che vedeva coinvolti gli attaccanti trapanesi.

Nella ripresa, nonostante la pressione della Ternana ed i cambi adoperati da Tesser con l’ingresso di Avenatti su tutti, la difesa regge bene ed esclusa una conclusione di Ceravolo non soffre particolari pericoli. Al 28′ della ripresa, clamorosa ingenuità del portiere rossoverde Sala, che giochicchia con la palla e se la fa rubare da Curiale che riesce a metterla dentro. La doppietta personale scioglie definitivamente la tensione. Una punizione al 38′ di Falletti, con annessa strepitosa parata di Gomis è l’ultima azione di rilievo della partita.

La prima di Cosmi e del suo Trapani convince. Pur essendo ancora presto per fare dei bilanci, è sicuramente rassicurante la ritrovata verve offensiva di Abate e compagni. Un digiuno che durava ormai da troppo tempo. Bravo Cosmi a lavorare sulla testa dei giocatori. La possibilità, adesso, di un nuovo turno casalingo, seppur proibitivo essendo contro il Bologna del grande ex Mancosu può essere l’ulteriore conferma che la strada intrapresa sia quella che porterà il Trapani alla conferma nel campionato di Serie B.

TRAPANI: Gomis, Perticone, Caldara (28′ Pagliarulo), Terlizzi, Rizzato, Aramu (64′ Nadarevic), Zampa (76′ Feola), Ciaramitaro, Barillà, Abate, Curiale. A disposizione: Marcone, Daì, Martinelli, Falco, Lombardi, Malele. All. Serse Cosmi

TERNANA: Sala, Vitale, Valjent, Meccariello, Gavazzi, Ceravolo, Viola, Fazio, Bojinov (49′ Avenatti), Popescu, Palumbo (75′ Russo). A disposizione: Gava, Janse, Ferronetti, Falletti, Dugandzic, Dianda, Crecco. All. Attilio Tesser

ARBITRO: Vincenzo Ripa di Nocera Inferiore (Mondin-Di Vuolo)

NOTE – Ammoniti: Viola (Te), Popescu (Te), Terlizzi (Tr), Meccariello (Te), Perticone (Tr), Palumbo (Te), Zampa (Tr)

 

Scrivi