Sembra essersi inceppato qualcosa nel Trapani di Cosmi. Gioco e risultati delle prime giornate sono stati spazzati via da tre sconfitte consecutive che tra infortuni e involuzione in zona gol adesso preoccupano davvero. In classifica il margine dalle posizioni a rischio per la retrocessione si è ridotto drasticamente (3 punti).

Ieri al Provinciale l’ha spuntata il Vicenza di Marino. Anche stavolta gli episodi hanno punito severamente i granata, tramortiti da un uno-due devastante tra 21′ e 24′ del primo tempo, con Giacomelli e Gagliardini ad ammutolire il Provinciale e aprire a tutti gli effetti una crisi che occorre subito cacciar via. Tra le note negative, ancora un infortunio, questa volta di Simone Basso, uscito malconcio ieri sera e per cui una prima diagnosi ha riscontrato un trauma contusivo distorsivo del ginocchio destro. Costa caro anche il cartellino giallo rimediato da Scozzarella che, diffidato, sarà costretto a saltare per squalifica il prossimo turno che vedrà il Trapani impegnato nella difficile trasferta di Livorno. Contro gli amaranto potrebbe rientrare qualcuno degli acciaccati che ultimamente è stato costretto fuori dal terreno di gioco.

Imperativo cercare di tornare a fare punti per non essere inghiottiti dalle sabbie mobili della bassa classifica. Un avvio davvero entusiasmante rischia di trasformarsi in un incubo. Il calendario, tra parentesi, si è divertito a scherzare con la formazione siciliana, costretta ad affrontare in un tour de force alcune delle compagini più competitive dell’intera cadetteria. Per rimettersi in piedi, il tecnico trapanese dovrà cercare di rimettere ordine della testa dei ragazzi, incapaci ieri sera di reagire con forza subito dopo le scoppole biancorosse. Unica, ma importante nota lieta, l’esordio positivo con tanto di gol di De Vita che potrebbe rappresentare un’arma in più da utilizzare nelle prossime gare.

Scrivi