E’ il grande giorno del ritorno a Trapani di Roberto Boscaglia, ma anche di Giovanni Abate. Tra granata e Brescia una sfida delicata per un piazzamento playoff da conquistare per inseguire un sogno chiamato Serie A.

A commentare, come sempre, le vicende trapanesi per Sicilia Journal, il tecnico Titta Mustazza:

“Il Trapani ha fatto un filotto importante di vittorie, ha rilanciato la propria classifica e adesso può davvero ambire a traguardi prestigiosi… Contro il Brescia al Provinciale sarà una gara emozionante. Sicuramente i ritorni di Boscaglia e Abate non passeranno inosservati ma ciò che conterà più di tutto è vincere la partita, perché le rondinelle hanno una ottima classifica e sul proprio campo bisogna cercare di superare tutti. Mi aspetto un match molto combattuto; tatticamente c’è il solito dubbio tra 3-5-2 e 4-3-1-2. Contro lo Spezia, in una gara praticamente perfetta dopo il cambio di modulo operato dal bravissimo Cosmi (Scozzarella per Perticone) sono arrivati i 50 punti ed una consacrazione che ci aspettavamo in fondo già da tempo. I ragazzi hanno dimostrato di essere maturi e di avere voglia di continuare a stupire. 

Sicuramente al momento tra le squadre che stanno lottando per i playoff i risultati ci dicono che il Trapani è tra quelle più in forma. Errore grossolano sarebbe credere di aver già conquistato un piazzamento utile per gli spareggi, bisognerà guardare la classifica partita dopo partita, senza esaltarsi eccessivamente. L’entusiasmo c’è e sarebbe folle il contrario. La piazza è in festa, com’è giusto che sia. Ma ci vuole sempre tanto equilibrio per non rovinare nulla

Società pronta per il salto? Sfatiamo questo tabù. Quella granata è una realtà societaria sanissima che opera da anni in maniera oculata. Ciò che è stato costruito ha radici solide e profonde, parliamo di una struttura che ha alla base dei valori e dei parametri che vengono prima di ogni altra cosa. Per questi motivi, finalmente, Trapani sta emergendo a livello nazionale. Nel caso in cui dovesse arrivare qualcosa di grande per questa realtà, sono sicuro che non ci sarebbero problemi ad operare con la stessa intelligenza e praticità”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi