Contro il Pescara sarà un Trapani incerottato. Fuori per un mese il difensore Fazio (distorsione della caviglia destra con associata frattura parcellare della base della falange prossimale del secondo dito del piede destro)  e l’attaccante Torregrossa (distrazione al muscolo retto femorale sinistro), mentre Coronado prova a stringere i denti nonostante sia stato diagnosticato un risentimento muscolare  in corrispondenza di una vecchia cicatrice del bicipite femorale sinistro. Assenze pesanti in casa granata, proprio alla vigilia di una serie di partite abbastanza impegnative contro gli abruzzesi e poi con il Cagliari, in terra sarda.

Cosmi studia le soluzioni migliori affinché la sua squadra non arrivi impreparata al match di sabato prossimo, al Provinciale di Erice. A Trapani arriverà un Pescara tecnicamente importante, affamato di vittorie per rilanciare una classifica che non rispecchia forse il valore dell’organico degli abruzzesi. Dal canto loro, i siciliani proveranno con le unghia e con i denti ad allungare la scia di partite senza sconfitte in questa stagione.

Come consuetudine commenta per Sicilia Journal le vicende granata Titta Mustazza:

“Era importante vincere a Salerno. L’aveva detto anche Cosmi che bisognava dare una sterzata decisa fuori casa e questa è finalmente arrivata. Bisogna dire che contro la Salernitana fortunatamente anche gli episodi hanno giocato a nostro favore, soprattutto nell’occasione del vantaggio realizzato da Citro, con la papera colossale di Terracciano, poi invece sul rigore, e in questa occasione credo che l’arbitro abbia preso un abbaglio, è stato a dir poco eccezionale il portiere Nicolas che si sta confermando tra i migliori della categoria. La squadra ha saputo gestire i momenti più delicati del confronto uscendo meritatamente vittoriosa.

Adesso c’è il Pescara. Secondo me si va incontro ad una partita ancora più difficile di quella col Perugia. La sconfitta che i nostri avversari hanno rimediato ad Ascoli non deve essere considerata. Non mi aspetto affatto che gli abruzzesi facciano barricate, ma gli acciacchi e gli infortuni che hanno riempito l’infermeria granata in settimana preoccupano. Fuori Fazio e Torregrossa, così come lo sarà probabilmente anche Coronado anche se potrebbe rientrare Sodinha. Non sarà facile, ma al Provinciale questo gruppo può riuscire nell’impresa e sarebbe fondamentale tra questa partita e quella con il Cagliari raccogliere 2-4 punti per far restare invariata la classifica.

In avanti nelle prossime settimane mi aspetto parecchie novità, a partire dal rientro di Nadarevic, il cui valore è inestimabile secondo me. Sabato potremmo vedere in campo Eramo, a scambiarsi con Barillà nel ruolo di trequartista. Attenzione anche a Basso, un giocatore di valore che potrebbe tornare utile.

Cosmi sta sicuramente tirando fuori il meglio da ogni singolo calciatore. Un plauso particolare va fatto tra i giocatori a Scognamiglio, forse uno dei migliori di quest’avvio di stagione. Al tecnico vanno invece fatti i complimenti per il lavoro che sta facendo. Bisogna dire che qui, come lo stesso allenatore ha detto più volte, c’è la possibilità di lavorare con serenità e professionalità con un team di gente preparata. Trapani è un’isola felice, una realtà sempre più importante.

Cagliari sfida proibitiva? Sono convinto di no, secondo me il Trapani può fare risultato ovunque. L’importante è comunque cercare sempre di muovere la classifica, facendo punti pesanti su campi difficili.

Quest’anno in Serie B non mi sembra ci siano squadre che possano ammazzare il campionato. Mi sbilancio e dico che secondo me la favorita numero 1 alla promozione è lo Spezia, la cui ossatura dell’anno scorso è stata potenziata da giocatori di un certo spessore, come Calaiò. La squadra che mi ha deluso fino a questo momento è il Modena. In zona salvezza c’è un gruppo importante di club che lotteranno fino alla fine”.

Scrivi