Dopo la beffa di Terni, con la sconfitta che si materializza nell’extra time del secondo tempo, grossa l’ingenuità di Nicolas (intervento di mano su retropassaggio ritenuto volontario dall’arbitro), punizione e conseguente colpo di testa fatale di Gondo a punire forse eccessivamente la formazione di Cosmi che sì aveva sofferto la voglia di vincere dei rossoverdi ma aveva saputo resistere e pungere, specie con Coronado in un paio di circostanze, i granata dovranno subito riscattarsi nella prima gara casalinga del 2016 contro un avversario in grande crescita come il Latina. I nerazzurri laziali, dopo la vittoria esaltante ottenuta in casa contro il sorprendente Novara, vorranno proseguire nella scia positiva facendo punti anche al Provinciale. La salvezza dei siciliani passa inevitabilmente dal fortino di Erice, reso quasi inespugnabile da Pagliarulo e compagni. Rialzarsi, e in fretta, per non interrompere un cammino importante verso la salvezza e chissà, magari anche qualcosa in più. Non sarà la sconfitta con la Ternana a distruggere mesi di lavoro e prestazioni spesso positive. Indicazioni importanti arrivano anche dall’infermeria, sempre più vuota, e dal mercato, che vede vicinissimo l’arrivo di un nuovo centrocampista alla corte del tecnico Serse Cosmi che ha così commentato l’episodica capitolazione umbra dei suoi ragazzi:“Nel primo tempo è andata meglio la Ternana, come atteggiamento soprattutto e pur creando una sola occasione. Noi invece stavamo a vedere la partita, mentre nel secondo tempo, visto il vinto contro, siamo stati costretti a giocare la palla e abbiamo fatto qualcosa di meglio. Abbiamo avuto un paio di occasioni in cui dovevamo fare gol, ma non le abbiamo sfruttate. Bisogna capire cosa poter fare per migliorare questo aspetto. Questa squadra si può esprimere in maniera decisamente diversa, non è stata certamente una prestazione strabiliante ma è chiaro – ha concluso Cosmi – che se fossimo tornati a casa almeno con un punto, l’umore sarebbe stato diverso”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi