31 anni fa, nella notte tra il 10 e l’11 ottobre del 1985, vi fu la “crisi di Sigonella” quando Bettino Craxi sfidò gli Stati Uniti d’America. Forse quella notte iniziò la sua fine.
aereo-sigonellaQuella notte a Sigonella si rischiò davvero molto. Ad oggi non sono ancora disponibili immagini, se non qualche spezzone Rai, che documentino con efficacia quanto accadde in quelle ore drammatiche. Ore terribili che segnavano l’ultimo atto del sequestro della nave Achille Lauro ad opera di un gruppo di terroristi palestinesi avvenuta il 7 ottobre alle ore 13.07, dirottata al largo di Port Said mentre si apprestava a lasciare le acque egiziane per approdare in Israele. Arafat invia Abu Abbas come mediatore e il 9 ottobre sembra si stia raggiungendo una soluzione senza spargimento di sangue: la nave viene liberata, i dirottatori e Abu Abbas vengono imbarcati su un Boeing dell’Egypt Air.

israel-sequestro-achille-lauro-1985Ma mentre sono in volo si scopre che un passeggero americano, ebreo e paralitico, Leon Klinghoffer, è stato ucciso e buttato in mare. La reazione americana è immediata: il presidente americano Ronald Reagan, su proposta del Consiglio di sicurezza, dispone unilateralmente di intercettare l’aereo egiziano.
Dalla portaerei USS Saratoga in navigazione nel Mediterraneo decollano quattro F-14 Tomcat che affiancano l’aereo poco sopra l’isola di Malta. Alle 23.50 del 10 ottobre la Casa Bianca chiama il premier italiano Bettino Craxi per comunicare che il Boeing dell’Egypt Air intercettato, con a bordo i dirottatori e Abu Abbas, è obbligato a fare scalo in l’Italia nella base di Sigonella, dove si trova, sin del 1959, l’insediamento della Naval Air Facility della VI Flotta USA nel Mediterraneo. Gli americani vogliono subito la consegna degli assassini e dei mediatori palestinesi per imbarcarli immediatamente verso gli Stati Uniti. Diversa la linea del nostro premier Bettino Craxi: i sequestratori hanno dirottato una nave italiana in acque internazionali, ragion per cui dovranno essere processati in Italia.
sigonellaNon appena atterrato il Boeing a Sigonella viene subito accerchiato da venti carabinieri e trenta avieri armati del VAM, che a loro volta vengono accerchiati dalle forze d’assalto della “Delta Force” del Generale Carl Steiner da poco atterrati con due Lockheed C-141 Starlifter dei Navy SEAL. Su ordine di Bettino Craxi a loro volta i militari americani vengono circondati da altri Carabinieri, inviati dalle caserme di Catania e Siracusa. L’Italia ha la meglio: Ronald Reagan cede e sotto il controllo di quattro ufficiali americani e cinque militari addetti al collegamento via radio, i quattro terroristi vengono consegnati ai Carabinieri e trasferiti all’aeroporto di Ciampino.
Ecco, quando l’Italia aveva ancora un peso. Ma Bettino Craxi poi la pagò molto cara.

Da NEWS PAST WORLD è anche su Facebook.


-- SCARICA IL PDF DI: Trentuno anni fa la “crisi di Sigonella”: Craxi sfida gli Usa e vince --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata