Ancora una sconfitta per Triskele, la franchigia siciliana nata quant’anno dall’unione delle società Nissa, San Gregorio, Audax Ragusa, Padua Ragusa, Amatori Messina, Miraglia Agrigento, Iron Team Palermo e Syrako Siracusa, ed è una sconfitta che fa male perché è senza appello.

Dopo aver perso il doppio scontro con il Logaritmo Messina, la promozione nel campionato Under18 Elite per Triskele passava attraverso una vittoria in casa dell’Arvalia Villa Pamphili di Roma.

E in effetti i triskelini la vittoria l’hanno proprio sfiorata, visto che fino al 5° del secondo tempo erano in vantaggio e che a 25 dal termine erano sotto solo di 5.

Poi un calo fisico, la comitiva, per una serie di peripezie, era arrivata in albergo solo intorno a mezzanotte, ha permesso ai romani di dilagare e chiudere l’incontro sul 33-15.

A portarsi avanti sono subito i padroni di casa, prima con un calcio di punizione e poi con una meta non trasformata.

Nella seconda parte del primo tempo, però, viene fuori la franchigia siciliana che, grazie a due calci del solito Cristobal Villegas, si porta sull’8-6.

Nella ripresa c’è subito la meta di Miguel Angel Espinosa, entrato alla fine del primo tempo al posto di Valerio Aquilino, trasformata da Villegas, che porta lo score sull’8-15 e forse illude i siciliani.

Tre minuti dopo, però, i laziali accorciano con la meta di Francesco Bossolo e 6 minuti dopo capitolano nuovamente, questa volta per mano di Leonardo Ricci.

Da quel momento le gambe non rispondono più, la concentrazione viene meno, e per il Villa è uno scherzo portare a casa l’incontro.

Negli ultimi minuti arriva la quarta meta per i padroni di casa e due calci di punizione che fissano il risultato, come detto, sul 33-15.

Per il coach siciliano, Ninni Bonomo, la stagione appena conclusa è comunque da ritenere positiva: «Questo primo anno, considerando tutti i problemi legati alla gestione di un gruppo così variegato rispetto alle provenienze di ciascun atleta, non posso non definirlo positivo. I risultati della prima parte della stagione ci avevano fatto pensare a qualcosa in più, ma la sconfitta con il Logaritmo non ci ha permesso di giocare in casa questa partita. Oggi il Villa ha dilagato nel punteggio ma io penso che la mia squadra non abbia demeritato. Certo, in questo momento c’è amarezza per il risultato, ma dobbiamo guardare anche a quanto di positivo è stato fatto.

Adesso si va in vacanza e ci si riprova nella prossima stagione. Prima di chiudere vorrei però ringraziare la dirigenza della società Arvalia Villa Pamphili, che oggi ci ha permesso di giocare portandoci al campo con le loro auto visto che il nostro bus si era guastato. Questo è un gesto fa loro onore. E poi voglio anche ringraziare tutti i ragazzi che quest’anno hanno vestito la maglia di Triskele.

Appuntamento a dopo l’estate, sperando di poter fare meglio di quanto non fatto in questa stagione».

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi