SICILIA – Giornalisti della stampa italiana ed estera, con grandi testate internazionali quali il Die Welt e il Times, ma anche inviati per le più importanti testate nazionali che si occupano di turismo, hanno partecipato al primo presstour del progetto turistico nato per mettere insieme le qualità e unicità di alcuni comuni siciliani, che hanno creato il Distretto Turistico Tematico “Borghi Marinari”.
Il progetto nato per offrire un’esperienza unica e personalizzata ai turisti e un supporto organizzativo e promozionale agli operatori del territorio coinvolge alcuni dei comuni più suggestivi della Sicilia: Santa Flavia, Caronia, Sant’Agata di Militello, Brolo, Aci Castello, Avola, Portopalo di Capo Passero, Ribera, Sciacca, Mazara del Vallo, Castellammare del Golfo, distribuiti in 6 Province. Grazie alla continua attività di formazione degli operatori, a un innovativo sistema di Destination Management e a un piano di comunicazione unitario, il Distretto “Borghi Marinari” è attivo per rendere ogni viaggio una storia da vivere attraverso la scoperta dei Comuni che ne fanno parte. Sito di riferimento del progetto è www.borghimarinari.it , nato per diventare il portale di riferimento per turisti e operatori del settore, fornendo informazioni utili per programmare una vacanza e per conoscere eventi culturali ed enogastronomici dei “Borghi Marinari” della Sicilia.

I Borghi Marinari

Aci Castello
Un luogo tra storia e mito, antico borgo fortificato e rocca inespugnabile protetta dal mare e, sulla terraferma, dalla lava dell’Etna difficilmente praticabile. Oggi il castello continua ad essere meta turistica per la sua storia e il suo panorama senza rivali, così come le stradine di Aci Castello che offrono squarci ammirevoli di lavori in pietra lavica risalenti al Settecento.

Avola
Racchiusa tra il Mar Ionio e i Monti Iblei, la cittadina di Avola, con il suo suggestivo centro storico a pianta esagonale, è conosciuta soprattutto per l’omonimo vitigno e la pregiata mandorla a cui dà il nome. La scoperta delle sue meraviglie non si limita, tuttavia, alle eccellenze enogastronomiche: chiese, monumenti, edifici storici di grande pregio sono solo una parte di ciò che la sua lunga storia ha regalato ad Avola.

Brolo
La storia di Brolo si dipana intorno al castello arroccato su un promontorio a picco sul mare. È da qui che si sviluppa il primo nucleo del borgo medievale che si è ingrandito, nel corso dei secoli, con palazzi, chiese ed edifici che oggi costituiscono il cuore di questo borgo circondato dal mare.

Caronia
Anticamente battezzata da Ducezio re dei Siculi come Kalè Akté, ossia “bella costa”, Caronia si estende su oltre 20 chilometri di costa, ma deve gran parte della sua fortuna al territorio variegato e soprattutto ai suoi sterminati boschi, che hanno permesso alla comunità di praticare pastorizia, zootecnia, estrazione del sughero e produzione del carbone.

Castellamare del Golfo
Questa cittadina, che sorge sull’omonimo golfo, fonda la propria identità sul mare. Nato come emporio marino per i commerci della vicina Segesta, sul suo mare si riflettono le torri di avvistamento e i baluardi difensivi del castello. Ed è sul mare che si svolge la vita e si animano le calde serate estive.

Mazara del Vallo
Crocevia di popoli e dominazioni, Mazara del Vallo rappresenta un polo multietnico in cui genti e culture diverse hanno saputo trovare la via della pacifica convivenza nel corso dei millenni. La città, che deve gran parte della sua fortuna alla vicinanza geografica con l’Africa, è oggi il secondo porto peschereccio più importante d’Europa, nonché meta privilegiata dagli appassionati degli sport velici (kite e windsurf).

Portopalo di Capo Passero
Appena 50 km sotto il parallelo di Tunisi, Portopalo di Capo Passero è sempre stata una zona strategica, sia militare che commerciale. Oggi, la flotta peschereccia portopalese è fra le più importanti della Sicilia. Il mare limpido dai vivi riflessi smeraldini, la bellezza dei paesaggi naturali ed il calore della gente offrono emozioni difficili da raccontare a parole.

Ribera
Conosciuta anche come la “Città delle Arance”, di recente Ribera ha ricevuto il riconoscimento di Città Slow, entrando così a far parte del network internazionale delle Città del buon vivere. Le sue spiagge e i territori incontaminati attirano ogni anno molti turisti, i quali possono apprezzare anche la ricchezza dell’architettura religiosa.

Sant’Agata di Militello
Centro a prevalente vocazione turistica, Sant’Agata di Militello presenta un’offerta molto varia riuscendo a coniugare le esigenze più diverse. La città ha ereditato un notevole patrimonio artistico e culturale dal passato e la sua tradizione culinaria è ancora molto viva e ben rappresentata da numerosi ed ottimi centri di ristorazione.

Santa Flavia
Apprezzata per la duplice fisionomia costiera e rurale, Santa Flavia offre un’incantevole visuale panoramica dal promontorio di Solùnto. Dall’alto del sito archeologico lo sguardo corre lungo insenature e calette, grotte e falesie, promontori e castelli marini che rappresentano un racconto visivo dei mutamenti storici e naturali della costa.

Sciacca
Situata sulla costa occidentale della Sicilia, Sciacca è rinomata soprattutto per il suo carnevale, ma anche per il suo mare limpido e le acque termali sulfuree. La città è costruita su una struttura urbanistica che fu realizzata prima dagli Arabi, poi dai Normanni, i quali ne ampliarono le mura al fine di facilitare la convivenza fra con Arabi, Greci e Franchi.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi