Successo di pubblico per la rivisitazione del vangelo apocrifo del discepolo Matteo

di Silvia Ventimiglia

Ottima prova d’autrice quella offerta da Cinzia Caminiti Nicotra con il suo VANGELO SECUNNU, storia di Gesù dalla nascita alla licenza elementare e che, nei giorni scorsi, ha ottenuto un ottimo successo di pubblico sia alla “Sala Magma” di Catania che presso “Il cantiere” di Acicatena.IMG_6947

“Se vangelo apocrifo significa falso vangelo, chiunque può scriverne uno…ed allora questo è il nostro! Un altro vangelo, diverso…un “secondo”… interpretato e rivisitato in base al nostro pensiero laico e alla nostra esperienza artistica e culturale” dice la Caminiti.

Usando il plurale, non majestatis, intende comprendere lo sforzo collettivo di tutta la compagnia dell’Associazione culturale Schizzid’arte di Catania che si concretizza, sulla scena, con la presenza di tre affabulatrici ( la stessa Caminiti insieme a Jolanda Fichera e Rosalba Sinesio) e di tre musicanti (Paolo Capodanno, che è anche l’autore delle musiche originali che si alternano a brani tratti dalla tradizione popolare, Stefano La Rosa e Paolo Filippini).IMG_6949

La scena appare essenziale ma ricca di colori e caratterizzata da quell’allegra confusione creata dalle tante stoffe presenti sul palco, dalle grancasse, trombette, mandolini e dagli oggetti vari, anche di uso quotidiano, messi a disposizione della rumoristica che dà, al tutto, un ritmo vivace ed incalzante.

A completare l’insieme un madonnaro che racconta, attraverso un video realizzato da Gianni Nicotra, vita…miracoli e gesta del personaggio più famoso della Storia. Video frutto di una minuziosa ricerca di santini d’epoca.

Il testo, recitato in una lingua siciliana ricca di sfumature, risulta poeticamente dissacrante ma mai irriverente ed attinge a piene mani alla tradizione popolare raccontando un Gesù bambino terreno con le sue intemperanze…i suoi sogni…i suoi capricci. Un bambino qualsiasi che, nel contempo però, è anche speciale con poteri del tutto particolari che gli permettono di intervenire laddove occorra.

Cento minuti, quelli raccontati, che offrono un caleidoscopio ricco di sfumature contrastanti: senza soluzione di continuità, infatti, si passa dai momenti ironici a quelli commoventi, da quelli di spiazzante ilarità a quelli intensi che inducono a seria riflessione.IMG_7126

Lo spettacolo, dicevo, parte raccontando i prodigi della nascita del Salvatore per poi concludersi nella sua tarda infanzia fino al momento in cui “gli angileddi lu salutarunu e cantannu sinni vularunu”.

Silvia Ventimiglia


-- SCARICA IL PDF DI: Vangelo secunnu... Cinzia Caminiti Nicotra --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata