di Maria Morelli

 

La vendemmia per quest’anno è ormai finita e trarre un bilancio non è mai facile. Ma se è vero che ogni vendemmia è diversa dall’altra e ha, appunto, una sua storia, mai come quest’anno la Sicilia ne racconta una tutta diversa. La nostra regione infatti ha sperimentato una vendemmia del tutto in controtendenza rispetto a gran parte del resto d’Italia.

L’azienda vinicola Planeta ha potuto definire “preziosa” la vendemmia 2014 innanzitutto perché le condizioni meteo sono state praticamente ideali per le maturazioni, con un’estate fresca e un autunno asciutto. Preziosa perché una naturale bassa carica produttiva ha abbassato in modo naturale le produzioni, determinando di conseguenza una qualità straordinaria. Preziosa perché, in questo modo, i terroirs si sono espressi al meglio e hanno fatto sì che il loro potenziale viticolo sia veramente venuto fuori. Insomma, in attesa di poter condividere un approfondimento analitico, possiamo certamente annunciare che questa vendemmia è una di quelle che possono capitare solo poche volte nella vita di un produttore.

E, per quanto ci riguarda – afferma l’avveduto produttore, Alessio Planeta – siamo soddisfatti di poter considerare questo fortunato insieme di circostanze, anche come uno splendido regalo per una speciale ricorrenza. Quella del 2014, infatti, è stata per Planeta la ventesima vendemmia, come sempre rinnovata nel segno dell’amore per la nostra terra e per la sua eccellente tradizione enologica.

L’azienda Planeta e tante altre aziende d’eccellenza della Sicilia continuano a raccogliere meriti e plausi attraverso anche manifestazioni come quella dell’Etna Grand Tour che si terrà a Milano il 17 novembre al The Westin Palace di Milano dalle 15.30 alle 20.30. Un grande banco di assaggio, organizzato dal Consorzio di Tutela dei Vini Etna D.O.C. in collaborazione con Ais Milano, per conoscere da vicino vini ed interpreti di uno dei terroir più affascinanti d’Italia.

Maria Morelli

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi