ADRANO – Eclatante atto dimostrativo dell’associazione socio culturale Symmachia Adrano – Biancavilla che nel pomeriggio di oggi ha protestato per via di un disagio che in contrada Naviccia ad Adrano persiste oramai da anni ed anni: il tratto di strada nei pressi dello svincolo per la Statale 284 (Adrano –  Bronte) che alle prime piogge si trasforma in un vero  e proprio lago, costringendo gli automobilisti a fare retromarcia e cercare vie alternative per aggirare il punto soggetto ad allagamenti . Così oggi, dopo le intense piogge delle scorse ore, i giovani dell’associazione Symmachia si sono recati in contrada Naviccia: “Chi l’ha detto che la strada non si può attraversare? Si può eccome” hanno affermato; ed attrezzati di gommone e remi hanno dato il via alla loro singolare protesta. Ma non è tutto, qualcuno di loro ha anche pensato di portar con se anche canna da pesca e tuta da sub.

Ironia, è stata questa la parola chiave dell’atto inscenato presso il “lago Naviccia”, come loro stessi lo hanno definito, sarcasmo utilizzato però per denunciare un disagio che persiste da decenni e che nessuna amministrazione ha mai risolto. Un incomodo (che non riguarda solo la viabilità) per i residenti della zona che quando il tratto stradale si allaga non possono neanche mettere il naso fuori da casa, per non parlar poi delle attività commerciali che lì si trovano. “Sono circa trent’anni che le amministrazioni si susseguono  ma nessuno ha mai risolto il problema – hanno dichiarato alcuni residenti – ed anche se il tempo passa non si ci può abituare a certe condizioni, non possiamo rimanere isolati quando piove”. Va poi detto che negli ultimi anni la situazione sembra essere peggiorata a causa della sostituzione del muro di cinta laterale alla strada, che un tempo era in pietra lavica e che oggi è in cemento, materiale che non permette all’acqua di filtrare e di conseguenza favorisce il permanere dell’acqua nel tratto in questione che rimane per ore allagato quando la pioggia imperversa.

Insomma, provocazioni a parte, tutti sperano che si intervenga ed anche in modo definitivo in contrada Naviccia, perché si sa: Adrano non è Venezia, né gli automobilisti e i residenti gondolieri.

Scrivi