di Agnese Maugeri

CATANIA- Un bambino è un essere umano, ha una propria identità. Un bambino non dimentica, sa cos’è il male. Un bambino è il nostro futuro e va tutelato, difeso e protetto.

Le lacrime versate da un innocente o ancor peggio quelle trattenute, sofferte, soffocate dal silenzio e dalla perdita di dignità servono solo a logorare la nostra società, corrodono lentamente i valori etici e morali sui quali si basa l’umanità.

La disumanità dell’individuo consiste nel colpire l’innocenza dei bambini trattandoli come merce, abusando di loro senza alcuna vergogna.

e16868Si è tenuta al Club Virgin Active di Catania la conferenza stampa per la campagna nazionale di sensibilizzazione “Un altro viaggio è possibile” ideata e promossa dall’Associazione Demetra Onlus impegnata da anni nella lotto contro tutte le forme di violenza subite dalle donne e dai minori.

Il progetto focalizza l’attenzione sul drammatico e dilagante tema del turismo sessuale a danno dei bambini, sfruttamento minorile che si perpetua durante viaggi d’affari o turistici nei paesi dell’Est, dell’America Latina, dell’India e dell’Africa, in Brasile nel 2011 secondo le autorità locali gli infanti vittime di sfruttamento sono stati più di 250.000.

L’Italia, riportano le statistiche, è il terzo paese al mondo dopo Germania e Portogallo a commettere questo reato, molti paesi del Sud del mondo hanno deciso di proteggere i propri bambini dal turismo sessuale con pene detentive severe che scontano per di più i turisti occidentali.

Il turismo sessuale a danno dei minori nasce nei paesi poveri del mondo dove la mancanza di istruzione rende i bambini soggetti vulnerabili, l’Unicef dichiara che più di tre milioni di bambini sono vittime di sfruttamento ai fini commerciali.

I piccoli non scelgono volontariamente di prostituirsi ma vengono rapiti, picchiati e costretti a subire indicibili pratiche esposti a ogni tipo di malattia; non tutti i turisti sessuali sono pedofili, spesso sono uomini occidentali che desiderano esperienza senza alcun vincolo morale e sociale solo per il gusto deviato di esercitare potere.

A fonte di questo nasce l’idea di “Un altro viaggio è possibile” che propone un percorso itinerante partendo dall’Italia che coinvolge esponenti del mondo dello spettacolo, dello sport, della musica e dell’arte con un susseguirsi di eventi con lo scopo di sensibilizzare la società a questa problematica; la città di Catania ospiterà il primo incontro venerdì 26 settembre, una serata di beneficenza che si terrà al SAL (spazio avanzamento lavori).

Durante la conferenza Flavia Tavano insieme all’attore Fabio Boga, alla scrittrice Vera Ambra al dottor Seby Costanzo, al pediatra Enrico Marano, alla professoressa dell’Accademia delle Belle Arti di Catania Liliana Nigro, al musicista Sebastiano Benvenuto Ramaci e all’artista Salvatore Barbagallo, hanno presentato il programma previsto per la serata di beneficenza. Tanti spettacoli si susseguiranno, i ragazzi dell’Accademia presenteranno una Kermesse di moda e un’estemporanea d’arte in collaborazione con il gruppo di moda teatrale “Maison du Cochon” e del “Gruppo dei 5”. La docente Liliana Nigro dopo la conferenza ci ha detto dettagliatamente che la sfilata riguarderà i vestiti delle più famose favole, le modelle andranno in passerella con gli occhi bendati e le labbra rosse proprio per sottolineare la lotta contro gli abusi.

Il direttore Ramaci con la HJO Jazz Orchestra formata da 21 elementi ripercorrerà la storia della musica dello Swing Orchestrale Americano con brani celebri degli anni ’30 e ’50 Miller, Sinatra, Fitzgeral.

Il maestro Barbagallo, facente parte del movimento nazionale Verticalista, ha realizzato appositamente per la campagna un’opera, un arciere che scaglia simbolicamente un bambino sulla terra, come fosse messaggero di pace e speranza.opera barbagallo

L’attrice Lucia Sardo leggerà alcuni brani tratti dal libro “Esca viva” di Vera Ambra la quale durante la conferenza ha detto «subire un abuso è qualcosa che schiaccia, non fa vivere e con il tempo si trasforma in vergogna distorcendo la realtà in una trappola da cui non si può uscire».

Ospite della serata sarà l’artista italo-brasiliano Marcelo Cordeiro e in anteprima verrà mostrato il trailer del suo film “Baby Bom Bom” riguardante proprio il tema della prostituzione minorile in Brasile, verrà in oltre presentato il trailer del cortometraggio “Premio per la migliore sceneggiatura” soggetto di Sergio Zagami che annovera nel cast tanti illustri attori fra i quali Fabio Boga e Mario Opinato, in uscita a Catania il 25 novembre giornata mondiale della violenza sulle donne.

“Un altro viaggio e possibile” offre l’opportunità di conoscere e comprendere i danni e il male che il turismo sessuale sta provocando, è il terzo traffico illegale per ordine d’importanza dopo droga e armi.

Bisogna interrompere il silenzio, un argomento taciuto che si deve portare allo scoperto e combattere per tutelare il sorriso puro di un bambino e la delicatezza dell’infanzia.

Agnese Maugeri

Scrivi