VITTORIA – Davide Stival, il padre del piccolo Loris ucciso a Santa Camerina a novembre 2014, fu assunto a tempo determinato come autista presso il Comune di Vittoria  per avere la possibilità di ri-vivere ma soprattutto stare vicino ed accudire l’altro figlio visto che ad essere accusata dell’omicidio fu la moglie e madre dei suoi figli.
Nel frattempo ci sono state le elezioni amministrative che dopo oltre 30 anni porta al potere una coalizione nuova.
Il contratto di lavoro  a tempo determinato che fu stipulato a Davide pare non voglia essere rinnovato dall’attuale sindaco poiché definirebbe tale assunzione di tipo politico.
“Questo sindaco, che ho avuto al mio fianco al corteo  di Vittoria sulla legalità e lotta alle ingiustizie per quale motivo lo ha fatto? Sa cosa significa realmente il termine ‘politico’?” – interviene Carmelo Finocchiaro, presidente nazionale di Confedercontribuenti.
Quando si parla di LAVORO si parla anche di DIGNITA’ a cui in questo caso si aggiunge anche il DOLORE per una perdita.  Questi sentimenti non dovrebbero avere alcun colore partitico ma coinvolgere tutti indistintamente.
“Possibile che l’attuale sindaco non trovi  i  mezzi che possano permettere di far continuare a lavorare Davide già provato dalla morte di un figlio? Possibile che la mansione di Davide non serva più? Attendiamo le risposte dal Sindaco. Siamo vicini a Davide assicurandogli il supporto di Confedercontribuenti “ – conclude Finocchiaro.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi