CATANIA − Giovedì 18 giugno, un gruppo di circa trenta Marines della base di Sigonella (NASSIG) è “sbarcato” alla Colonia Don Bosco per effettuare un progetto di volontariato a beneficio dei tantissimi bambini che affolleranno il popolare stabilimento balneare nel periodo estivo nell’ambito dei tradizionali GREST e dei giovani immigrati che saranno ospitati presso questa struttura nei prossimi mesi.

Diceva Don Bosco: “Non dobbiamo mai lasciarci sfuggire un’occasione che il Signore ci presenta per fare del bene. Beneficare il prossimo è ricevere da Dio ogni sorta di benedizioni. La carità è  vincolo che lega i cuori”. È proprio questo spirito di solidarietà che ha portato i Marines ad accogliere l’invito a dare supporto al progetto “Don Bosco Island”, nato dalla collaborazione tra Salvatore Adamo dell’Associazione MetaCometa Onlus, i Salesiani di Don Bosco, le Figlie di Maria Ausiliatrice, le ONG salesiane Vis e Vides, i Salesiani per il Sociale (Federazione SCS/CNOS) e le associazioni regionali Don Bosco 2000. Il progetto  si prefigge lo scopo di costruire una cittadella della solidarietà e dell’integrazione attraverso l’accoglienza di giovani immigrati provenienti dagli sbarchi ed attivando una serie di azioni e iniziative che incentivino la cultura dell’accoglienza e dell’interculturalità.  I Marines a stelle e strisce, accompagnati  dal Responsabile Comunicazione della NASSIG Sigonella Alberto Lunetta,  si sono prodigati per l’intera mattinata insieme ad una trentina di volontari locali per tinteggiare il portico del centro incontro, verniciare gli spogliatoi e sistemare i vialetti e gli spazi verdi per rendere accogliente la colonia ai piccoli ospiti.

“Il nostro gruppo di Marines ha già effettuato diverse attività di volontariato nel corso dei circa sei mesi di permanenza in Sicilia, siamo lieti di dare una mano laddove c’è bisogno e ringraziamo i Siciliani per l’opportunità di farlo” − ha spiegato il Cappellano dei Marines Brian Salter.

“Il nostro progetto di integrazione è già iniziato oggi con questo bel progetto di collaborazione tra i Marines americani ed i nostri volontari, speriamo di moltiplicarlo presto con tante iniziative di  accoglienza multietnica e dell’integrazione interculturale”, ha detto Adamo.

L’iniziativa dei Marines è sempre targata “Community Relations” ovvero attività di volontariato a beneficio di enti caritatevoli, scuole, soprintendenze, parrocchie e comuni siciliani. I militari  americani hanno già effettuato altri progetti di volontariato a sostegno dei  Salesiani etnei presso l’Istituto  Maria Ausiliatrice di Catania e negli Oratori Salesiani.

Scrivi