“Scambio” di immobili tra Agenzia del Demanio e Comune di Lipari per valorizzare il Faro di Vulcano e ridurre la spesa pubblica

LIPARI – Il Faro di Vulcano tornerà presto all’antico splendore. L’Agenzia del Demanio, infatti,  ha dato parere favorevole ad un’importante operazione di “scambio” con il Comune di Lipari, che riguarda il Faro di Vulcano di proprietà statale e un edificio di proprietà comunale, sede del Comando dei Carabinieri per il quale lo Stato paga un canone di affitto.
In particolare, l’amministrazione comunale otterrà la locazione gratuita del Faro di Vulcano nel quale, con importanti opere di ristrutturazione, realizzerà un museo; mentre il Comando dei Carabinieri  continuerà ad utilizzare gratuitamente per 12 anni l’immobile comunale.  L’operazione consentirà, quindi, di chiudere la locazione passiva a carico dello Stato con un significativo risparmio di spesa pubblica e, al tempo stesso, di valorizzare e rifunzionalizzare il faro che ritornerà ad essere fruibile da parte della cittadinanza.
Si tratta di una valida risposta all’esigenza di migliorare l’attrattività dei territori attraverso il recupero e la valorizzazione del patrimonio storico ed ambientale, con nuove modalità di fruizione del patrimonio pubblico e delle destinazioni turistiche, sviluppando prodotti e servizi complementari per un nuovo concetto di viaggio e soggiorno, anche in chiave di scoperta del territorio
Lo Scambio” di immobili tra Agenzia del Demanio e Comune di Lipari per valorizzare il Faro di Vulcano rappresenta una nuova tipologia di investimento, finalizzata a generare un ritorno sia  di natura economica che d’impatto sociale, ambientale e occupazionale. In questo caso si tratta di un modello di recupero che punta alla tutela, alla conservazione e alla valorizzazione degli immobili pubblici dismessi e al rafforzamento della competitività e attrattività del contesto in cui si collocano, secondo principi progettuali declinabili a seconda delle specificità di ogni territorio.

S.R.

Scrivi