di Franco Liotta

Giardini Naxos – Se nei prossimi giorni doveste trovarvi nei pressi di Giardini Naxos e vi dovesse capitare di incontrare persone abbigliate con bretelle colorate e paillettes tanto da ricordare la tipica atmosfera da America degli anni 30 del secolo scorso, non preoccupatevi, non siete stati risucchiati dalla macchina del tempo né siete stati catapultati in un film in costume. State solo incontrando i cultori dell’Hindy Hop riuniti dal 26 al 29 giugno all’Atahotel Naxos Beach, per Il 1° Camp di Swing in Sicilia.

enzomercuriNoi di Sicilia Journal abbiamo incontrato Enzo Mercùri, gran maestro di “Sicilyinswing” che, insieme con Silvia Palazzolo di “The Zenaswingers – swingdancegenova” presentano l’importante evento:

Come mai una maratona di swing a Taormina

Da un paio d’anni, ormai, lo swing a Catania ha preso piede, le persone che frequentano le nostre lezioni sono più di un centinaio, ecco perché era il momento di organizzare un evento che desse la possibilità di far conoscere agli appassionati della disciplina la nostra Sicilia e, contemporaneamente, portare nell’isola coloro che, in questo momento sono tra i più accreditati ballerini al mondo.

Chi interverrà, puoi farci qualche nome?

Come dicevo saranno presenti i maestri Max Pitruzzella e Annie Trudeau, Mikey Pedroza, Pamela Gaizutyte e Ryan Francois. Siamo particolarmente orgogliosi di queste presenze perché, oltre al valore aggiunto che ci offriranno con le loro esibizioni e con i loro workshops, è sintomatico di un interesse a livello internazionale rispetto alle nuove realtà e, soprattutto, espressione di stima da parte di questi professionisti nei nostri confronti.

swing

Una degli elementi fondamentali per la riuscita di una serata di swing è, sicuramente la band, ritmi incalzanti, armonie che ricordano la voglia di spensieratezza tipica dell’America degli anni trenta, sappiamo che per i vostri ospiti avete qualche sorpresa in serbo.

Sì, abbiamo il piacere di avere una delle band più richieste al mondo, i “Gentlemen & Gangsters” suonano il jazz con tutto il fascino e la raffinatezza dei veri gentiluomini, mescolato alla brutalità spietata di gangster incalliti. Armati di bacchette e tromboni, queste menti squilibrate diffondono il caos, la gioia e la decadenza ovunque vadano. Hanno suonato nei templi del Jazz, dello swing e, sia venerdì sia sabato sera suoneranno per noi.

Stiamo parlando come fossimo dei cultori del ballo, ma per i profani, puoi raccontarci come nasce lo swing.

Diciamo che il tutto nasce durante la depressione americana, le orchestre di Jazz e Blues, cominciamo a suonare queste musiche leggere, allegre e ballabili per sollevare il morale del pubblico. Anche se, nel linguaggio comune lo si chiama swing, questo termine è più inerente a un’epoca che a uno stile di ballo, il nome corretto della danza, infatti, è Lindy Hop.

Secondo la leggenda il nome fu dato dal ballerino Shorty George Snowden che, in occasione di una maratona di ballo al Savoy, durante le celebrazioni della trasvolata di Charles Lindbergh (detto Lindy) sull’Atlantico, dopo aver eseguito uno dei suoi passi, disse che stava facendo il “Lindy Hop” (balzo di Lindy), probabilmente pensando al celebre volo da New York a Parigi del pioniere dell’aviazione degli Stati Uniti.

Nell’epoca della musica swing, il Lindy Hop divenne un vero fenomeno di massa. Il Lindy Hop fu un vero esempio d’integrazione culturale tra bianchi e neri, il primo fenomeno sociale trasversale nella storia degli Stati Uniti.

Negli anni successivi, però, cambiò tutto, arrivarono il boogie, ritmo and blues e, infine, il rock and roll, fino ad arrivare al ballo di Michael Jackson, tutti, indubbiamente, figli e diretta evoluzione del Lindy Hop.

Il lindy, perciò, fu quasi dimenticato, e solo molto tempo dopo, negli anni 80, Frankie Manning, un ballerino di colore fu riscoperto, già vecchio, da una svedese che lo portò in giro per il mondo a spiegare cosa fosse lo

swing e come si ballava. Per questo Manning fu definito “l’ambasciatore dello swing nel mondo”, senza di lui, forse, oggi non ci sarebbe swing. Questo, inoltre, è un anno molto particolare per il Lindy Hop, in quanto ricorre il centenario dalla nascita di Frankie Manning, infatti, a Harlem sono previsti moltissimi eventi.

swing2

Ultima curiosità, primo camp di swing in Sicilia, che risposta avete avuto dagli amanti del genere?

Anche per questo siamo molto soddisfatti, oltre un centinaio di persone, molte delle quali ci raggiungeranno già dal pomeriggio del ventisei, per gustare la splendida location dell’Ata hotel Naxos Beach, per rilassarsi e assaporare la serenità del resort. Poi si comincerà a ballare e a farci coinvolgere dall’allegria dei nostri DJs Mindaugas J.Bikauskas e Long Legs Teo, che ci accompagneranno per tutte le serate.

Allora, cosa aspettiamo tutti in pista al ritmo di step, step and triplo step.

Franco Liotta

Scrivi