ZAFFERANA ETNEA – È tutto pronto per la 2^ edizione della Festa del Miele, momento clou della kermesse “Etna in Primavera”.

Già oggi, in piazza Belvedere, dalle ore 9,00 alle ore 22,00, sarà aperto lo stand del miele mentre alle ore 18,00, nella sala Consiliare del Municipio di Zafferana, sarà inaugurata la mostra personale di pittura di Enza Sorbello. Alle ore 20,00, poi, in piazza Umberto I è in programma l’esibizione di Etna Country Style a cura del maestro Giuseppe Scaccianoce.

 Domani, alle ore 10,00, sempre nell’ambito della Festa del Miele, attenzione puntata su “Train and Fly” con la possibilità di usufruire del trenino turistico che, dal centro storico, condurrà turisti e visitatori sino a Piano dell’Acqua dove, con l’ausilio di occhiali particolari e di un drone, saranno spiegate le peculiarità legate alla colata lavica del 1992. In piazza Umberto I, l’Associazione Provinciale “Cuochi Etnei” presieduta dall’esperto chef Seby Sorbello proporrà squisiti dessert rigorosamente a base di miele. Alle ore 12,00 si  svolgerà l’esibizione di danza latino-americana a cura dell’Associazione Lia Dance mentre, a causa della concomitante processione del Corpus Domini, l’esibizione di latino-americano a cura dell’A.S.D. Real Talent è stata posticipata alle ore 20,00 circa.

Intanto, hanno già riscosso tanti consensi e migliaia di condivisioni sul web, i due arazzi di gemme di sale sapientemente realizzati da alcuni volontari sotto l’attenta regia del direttore artistico della manifestazione, Graziella Torrisi. Il primo, così come lo scorso anno, è stato realizzato nella centralissima via Carso (attigua al Palazzo Municipale) mentre il secondo arazzo è stato collocato sulla pista rotonda da ballo all’interno di Villa Castorina, proprio sotto il Belvedere. Artefici dell’iniziativa (come mostra la foto allegata) la stessa Graziella Torrisi, il prof. Giuseppe Cristaudo, Debora Vasta, Manuela Privitera, Emanuela Pavone, Angelo Messina, Agata Torrisi, Giusy Pellegrino e Carmelo Caponnetto. Nell’arazzo di sale di via Carso è rappresentata “Madre Natura” che generosamente elargisce agli abitanti di Zafferana un macro granello di polline in segno di benessere e serenità. “Madre Natura” sovrasta l’Etna la cui esplosione di lava viene accompagnata da fiori e farfalle che le agghindano i bei capelli girando attorno al polline, portando nettare e generando miele.

L’altro arazzo, invece, rappresenta un omaggio a Zafferana Etnea ed alla manifestazione “Etna in Primavera” ormai consolidata tra gli immancabili appuntamenti primaverili dell’intero comprensorio. In tal senso, infatti, essa rappresenta un’ulteriore occasione di promozione turistica del territorio, così come fortemente sostenuto dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco, Dott. Alfio Vincenzo Russo.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi