ZAFFERANA ETNEA  − Dopo la seconda edizione del Premio Internazionale di Pittura intitolato a “Giuseppe Sciuti” svoltosi nei giorni scorsi, la ribalta sarà tutta per la 46^ edizione  dell’affermato Premio di letteratura “Vitaliano Brancati” in programma sabato 26 settembre 2015 alle ore 19,30 nel prestigioso scenario dell’Experia Palace Hotel, sito in via delle Ginestre n°27/D a Zafferana. L’ambìto riconoscimento, autentica punta di diamante del ricco cartellone culturale zafferanese, nacque nel lontano 1967 per iniziativa di alcuni illustri scrittori, artisti e giornalisti (tra cui Pierpaolo Pasolini, Dacia Maraini, Leonardo Sciascia, Alberto Moravia etc.) con l’obiettivo di onorare al meglio la memoria di Vitaliano Brancati che, nella quiete di Zafferana Etnea, trascorreva alcuni mesi dell’anno. Tra l’altro, proprio uno dei suoi romanzi più noti, “Paolo il caldo” è ambientato proprio a Zafferana, descritto come uno dei paesi più suggestivi tra quelli ai piedi dell’Etna. Negli anni, il Premio Brancati-Zafferana ha poi visto lievitare progressivamente la sua importanza tanto da divenire appuntamento immancabile per l’intero mondo culturale ben oltre i nostri confini territoriali.

Nei giorni scorsi, la Giuria composta da esperti del settore contattati in tutta Italia, al temine di un’attenta e scrupolosa valutazione, ha reso noti i nomi dei vincitori del “Brancati 2015”, così ripartiti:

– per la sezione ‘narrativa’, l’ambìto riconoscimento andrà a Nadia  Terranova autrice del libro “Gli anni al contrario” – Einaudi;

–  per la ‘saggistica’, il “Brancati 2015” è stato assegnato a Domenico Quirico    autore de “Il grande califfato” – Neri Pozza;

–  per la ‘poesia’, Zafferana premierà Roberto Deidier con “Solstizio” edito da Mondadori;

– per l’inedita categoria ‘giovani esordienti’, infine, il premio andrà a Giulia Gubellini autrice di “Under” – Rizzoli.

Del tutto nuove, quest’anno, le norme che regolano il Premio Brancati, con l’obiettivo dichiarato di favorire l’ulteriore divulgazione extraterritoriale dell’evento coinvolgendo di fatto l’intero mondo culturale nazionale.

In passato, tra i vincitori del “Brancati” vanno ricordati, tra gli altri, Elsa Morante, Giuseppe Bonaviri, Ercole Patti, Sebastiano Addamo, Aleksandr Solzenicyn etc. Anche quest’anno la scelta delle opere vincitrici, quindi, è il frutto di attente valutazioni effettuate da ‘giurati’, esperti del settore, provenienti da ogni parte d’Italia.

“Miriamo a far lievitare, sempre più, l’importanza del Premio letterario “Brancati” ben oltre i nostri confini territoriali, sottolinea soddisfatto il Sindaco di Zafferana Etnea, Alfio Vincenzo Russo, così come merita la fama internazionale dell’illustre scrittore a cui l’evento è dedicato. Infatti, questo Premio pone ormai Zafferana all’apice del panorama culturale nazionale ed internazionale, continua il primo cittadino e, le recenti modifiche apportate al regolamento ne esaltano ulteriormente le specifiche peculiarità e l’importanza. Zafferana Etnea è ormai uno dei poli d’attrazione culturale per eccellenza, come ci viene riconosciuto da più parti”.

Il sindaco Russo, peraltro, presiede la Giuria, costituita da illustri esponenti del mondo culturale italiano, e di cui fa parte l’Assessore comunale alla Cultura, Angela Di Bella che è anche presidente del Comitato organizzatore. “Il nuovo regolamento del ‘Brancati’ mira a determinare un giudizio quanto più obiettivo possibile sulle opere in gara edite dalle case editrici italiane, afferma l’Assessore Di Bella e, riteniamo che tutto ciò possa servire ad incentivare l’importanza del Premio al pari di altre iniziative del genere quali i premi “Campiello” e “Strega!”

Scrivi